ESTRATTO DAL SITO FNOMCEO – Biblioteca Virtuale

Facebook Youtube Twitter

Biblioteca virtuale FNOMCeO-EBSCO: un supporto per accedere al servizio

La FNOMCeO offre una opportunità formativa ai propri iscritti tramite una convenzione con la EBSCO Information Services di Boston, uno dei principali fornitori mondiali di banche dati di letteratura scientifica. A disposizione 2500 riviste full text tra medicina e odontoiatria e decine di migliaia di abstract. L’accesso è libero e completo a migliaia di articoli scientifici e sono 4000 le schede di educazione per il paziente su malattie, terapie, prevenzione, stili di vita. Questo progetto si configura come uno strumento decisionale e formativo e risponde alle più moderne esigenze in tema di aggiornamento e di comunicazione in quanto dà un supporto scientifico nel percorso di collaborazione e alleanza terapeutica. È la risposta scientifica della FNOMCeO alla questione appropriatezza e rappresenta una importante occasione di formazione per tutti i professionisti.
La FNOMCeO ha impiegato molte risorse per fare un investimento diretto sulla Professione e per i Professionisti in modo da offrire ai suoi iscritti un aggiornamento scientifico e certificato, una formazione critica e le più recenti e accreditate competenze scientifiche.

Caratteristiche del progetto:
- ricerche specializzate
- supporto decisionale
- supporto per l’appropriatezza
- prodotto di affidabilità e di immediata consultazione
- opportunità per tutto il SSN
- strumento di aggiornamento anche per gli studenti di medicina

Come si usa la piattaforma:
Per la registrazione clicca qui
Si accede anche dalla home del sito istituzionale Fnomceo cliccando sul banner Ebsco.

 

Supporti formativi:

Webinar online condotti in lingua italiana dalla trainer specialist Ebsco Alissia Poggio: il calendario degli appuntamenti di dicembre e gennaio a questo link.

 

FNOMCeO ha anche realizzato un servizio di tutorial in italiano per una miglior comprensione dell’uso e della potenzialità delle singole banche dati:

- video tutorial di Medline Complete

- video tutorial di Dentistry & Oral Sciences Source

- video tutorial di Dynamed Plus

- video tutorial di Perc

VADEMECUM TESSERA SANITARIA

Gli iscritti all’Albo dei medici chirurghi e odontoiatri, anche se organizzati all’interno di studi associati, sono tenuti a trasmettere i dati relativi alle proprie fatture emesse al Sistema Tessera Sanitaria entro il 31/01/2017.

Qualora gli stessi esercitino la propria attività all’interno di una Srl, che emette fattura nei confronti degli assistiti, le spese sanitarie erogate nell’anno 2016 sono trasmesse dalla struttura solo se questa è accreditata per l’erogazione dei servizi sanitari oppure è autorizzata per l’erogazione dei servizi sanitari e non accreditata.

 

L’obbligo riguarda i dati dei documenti di spesa rilevanti per la detrazione delle spese sanitarie del cittadino. In particolare, vanno inviate tutte le fatture relative a prestazioni sanitarie, certificative, a carattere peritale rilasciate a persone fisiche. Nel caso dell’attività del medico competente, non vanno inviate le fatture rilasciate al datore di lavoro anche se persona fisica. Ai fini dell’invio non rileva il fatto che la fattura sia gravata o meno da IVA.

I dati possono essere trasmessi anche per il tramite di associazioni di categoria e soggetti terzi.

È possibile anche inviare alcuni dati di spesa autonomamente e altri farli inviare dal soggetto delegato facendo attenzione ad evitare errori o duplicazioni.

 

Per quanto riguarda gli studi medici associati, il medico rappresentante (anche tramite intermediario delegato) può inviare i documenti fiscali anche per conto dello studio associato, indicando la partita IVA dello studio.

 

 

CHIARIMENTI DELL’AGENZIA DELLE ENTRATE

 

  • Come verificare l’esito della trasmissione dei dati di spesa sanitaria

Il sistema all’atto della ricezione dei dati rilascia un protocollo univoco che attesta esclusivamente la ricezione del file e non il corretto contenuto dei dati che devono essere trasmessi.

In caso di mancata accettazione della trasmissione del file dovuta alla non adeguatezza alle regole di trasporto o ad anomalie nella nomenclatura del file o ad irregolarità nella struttura dei dati o ad incongruenze tra i dati comunicati, non si considerano acquisiti dal sistema TS i dati contenuti nei file scartati.

Al fine di acquisire e verificare l’esito della corretta trasmissione dei documenti trasmessi, il sistema mette a disposizione dell’utente un’apposita ricevuta che può essere consultata sul sito del sistema ovvero acquisita per via telematica tramite gli appositi web service

I dati possono essere trasmessi anche per il tramite di associazioni di categoria e soggetti terzi.

È possibile anche inviare alcuni dati di spesa autonomamente e altri farli inviare dal soggetto delegato facendo attenzione ad evitare errori o duplicazioni.

 

  • Prestazioni occasionali

     

    Con riferimento alle prestazioni erogate nel 2016, trattandosi di una fattispecie particolare, gli iscritti all’albo dei medici, non titolari di partita IVA, che svolgono prestazioni occasionali, non sono tenuti ad inviare a Sistema Tessera Sanitaria i dati relativi alle prestazioni sanitare erogate. Negli allegati A ai decreti ministeriali del 31 luglio 2015, del 2 agosto 2016 e del 16 settembre 2016, è previsto, infatti, che debba essere obbligatoriamente indicata la partita Iva del soggetto che ha emesso il documento fiscale.

 

  • Le spese sanitarie non pagate dall’assistito o dalla compagnia di assicurazione sanitaria nell’anno di emissione della fattura.

La trasmissione dei dati relativi alle spese sanitarie segue il “criterio di cassa”. I dati relativi alle spese sanitarie sono trasmessi al Sistema Tessera Sanitaria tenendo conto della data dell’avvenuto pagamento, a prescindere dal fatto che il documento di spesa riporti una data precedente. Pertanto, nel caso di fattura emessa nell’anno 2016, per la quale il pagamento sia stato effettuato a gennaio 2017, la spesa sanitaria non va trasmessa tra le quelle relative al 2016.

 

  • Spese sostenute da Assicurazioni o Fondi per conto del cittadino.

Con riferimento alle convenzioni dirette, la prassi dell’Agenzia delle entrate ha chiarito che il pagamento diretto alle strutture sanitarie che venga effettuato in tutto o per quota direttamente dall’assicurazione, si atteggia come una mera modalità di liquidazione. I pagamenti avvengono in nome e per conto del contribuente beneficiario della prestazione sanitaria con la conseguenza che quest’ultimo risulta poi intestatario delle fatture emesse non solo per la parte di spese mediche eventualmente saldata in proprio, ma anche per la parte direttamente pagata dall’assicurazione. Pertanto, fermo restando il “criterio di cassa”, le spese sanitarie, ancorché pagate dall’assicurazione, vanno comunicate al Sistema Tessera Sanitaria. Sempre secondo la prassi dell’Agenzia delle entrate, assume rilievo determinante la circostanza che i pagamenti effettuati direttamente dall’assicurazione alla struttura sanitaria avvengano sempre in nome e per conto dell’assistito beneficiario della prestazione sanitaria. Conseguentemente, in mancanza di un documento di spesa intestato al contribuente, si ritiene che la spesa non possa essere a lui riferita e che, pertanto, non debba essere comunicata all’Agenzia delle entrate. 

 

  • Bollo e IVA.

    L’imposta di bollo e l’Iva esposte in fattura/ricevuta seguono il trattamento della spesa sanitaria cui si riferiscono e confluiscono nella relativa tipologia di spesa.

 

  • Fatture a minori.

    Se una prestazione sanitaria è erogata nei confronti di un minore nel caso in cui la fattura sia intestata a quest’ultimo, nella comunicazione vanno riportati i dati indicati nel documento fiscale emesso dal medico/struttura sanitaria e sarà riportato il codice fiscale del minore.

IL PUNTO SULLE VACCINAZIONI

    

      

   Il giorno 14/12/2016 alle ore 21 presso la sede dell’Ordine

si terrà un incontro per fare il punto sul tema vaccinazioni.

Parteciperanno: 

Dott. Rino Agostiniani  Primario Reparto Materno-Infantile

Dott. Andrea Mannini    Pediatra di base

Dott.ssa Patrizia Beacci  Pediatra di base

Dott.ssa Franca Mazzoli Responsabile Igiene Sanità pubblica

Dott.ssa Marina D’Antonio Medico Servizio Vaccinazioni

ZONE CARENTI MMG E PEDIATRI DI LIBERA SCELTA

Gli avvisi della Regione Toscana relativi alle zone carenti di medici di medicina generale e medici pediatri di libera scelta saranno pubblicati sul BURT n. 45 – parte terza – del prossimo 9 novembre.

Come sempre, gli avvisi ed i modelli di domanda saranno disponibili, dal giorno successivo alla pubblicazione su BURT, sul sito regionale:
www.regione.toscana.it/sst alla voce ” procedure ” in ” opportunità e scadenze”.